Un aiuto rapido ed efficace per un settore essenziale dell’agricoltura italiana. Il gruppo di crisi nazionale del Florovivaismo reclama la giusta attenzione e un sostegno concreto per uscire dall’emergenza covid-19. Un documento unitario, sottoscritto da cooperative, imprese agricole, distretti, associazioni e mercati dei fiori italiani che sarà al centro della discussione in programma il 28 maggio con il Ministro delle Politiche Agricoli e Forestali, Teresa Bellanova.

Nel documento di lavoro del gruppo di crisi nazionale del Florovivaismo emerge con prepotenza che le misure sinora previste in concreto per il comparto sono “decisamente insufficienti a compensare il notevole calo del giro di affari” avvenuto con l’avvento della pandemia.

L’appello del gruppo di crisi nazionale del Florovivaismo al Governo è quello di “individuare soluzioni che garantiscano efficacia ed efficienza, un po’ come quelle messe in campo da alcune regioni, in primis la Campania che ha destinato un apposito fondo di sostegno al comparto florovivaistico” e ci si auspica che “alcuni articoli del decreto legge rilancio siano tarati sul fabbisogno delle imprese del florovivaismo” così da acquisire nuova fiducia e poter “riprogrammare con serenità le proprie produzioni. Allo stato attuale le imprese florovivaistiche non hanno accesso alle garanzie dello Stato e gli istituti di credito continuano a segnalare difficoltà nella valutazione del merito creditizio a carico delle imprese del comparto. Il risultato è che le misure già varate dal Governo per il momento sono state ininfluenti ai fini della sopravvivenza di molte imprese che ancora oggi attendono risposte mirate”.

Il gruppo di crisi nazionale del Florovivaismo chiede in sostanza un intervento in materia di sospensione dei pagamenti di oneri fiscali e contribuitivi, una energica azione politica a livello comunitario, una efficace azione di promozione, un dialogo con il Ministero degli Esteri per riavviare i principali mercati di commercializzazione del florovivaismo bloccati da mesi.

“Il Ministro Bellanova ha già ampiamente messo in evidenza la drammaticità delle conseguenze del Covid-19 sulle aziende florovivaistiche – si legge nel documento. Occorre però ora intervenire senza altri tempi perché non ci sono più i presupposti per arginare la chiusura di molte imprese con un pericoloso effetto domino che potrebbe avere serie conseguenze su molte delle aree del florovivaismo del Paese”.

Il documento unitario è firmato dal Consorzio Produttori Florovivaistici Campani (CPFC); dal Mercato dei Fiori di Ercolano (Napoli) – Cooperativa Masaniello, dalla Cooperativa Flora Pompei, dal Distretto Florovivaistico della Liguria, dai Mercati dei Fiori di Leverano, Taviano, Viareggio, Vittoria, Terlizzi, Sanremo – Amaie, dal Distretto del Cibo e Distretto Florovivaistico di Puglia, dall’Azienda Speciale Mercato dei Fiori della Toscana (A.S.MeFiT), dall’Associazione Florovivaisti e Fioristi Italiani (Affi), dall’Associazione Filiera Florovivaistica del Lazio, dal Distretto Florovivaistico Interprovinciale Pistoia e Lucca, dall’Associazione Florovivaisti Italiani, dall’Associazione Nazionale Vivaisti Esportatori (A.N.V.E.), da IL CONTADINO Soc. Coop. Agricola, dal Distretto Florovivaistico Alto Lombardo, dall’Associazione Produttori Florovivaisti – ASPROFLOR, dal Mercato Ingrosso Fiori Torino, da Fiori del Trentino, da La Nuova Floricoltura Meridionale, dal Distretto Rurale Vivaistico Ornamentale di Pistoia e dalla Società Agricola Consortile – La Mediterranea s.r.l.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *