Rose rosse ma non solo. Siete alla ricerca del fiore perfetto per San Valentino? Volete dire “Ti amo” affidandovi al linguaggio dei fiori? Tra i Fiori della Campania da regalare nel giorno degli innamorati c’è solo l’imbarazzo della scelta. Le varianti in questo caso sono davvero tante.

La rosa rossa è il fiore simbolo per manifestare il proprio amore il 14 febbraio. Il suo colore simboleggia l’amore intenso e la passione travolgente. Un bouquet di rose rosse rappresenta un autentico must da “momento romantico”.

Quante rose regalare? La cabala ci dice che per i momenti di gioia bisogna optare per un numero dispari (quelli pari sono da associarsi a eventi tristi): una sola rosa significa “ti amo”; tre è ovviamente il numero perfetto; scegliendone 7 si vuol comunicare il desiderio di appartenere; l’eccezione è nel regalare 12 rose rosse numero che simboleggia il vero amore e il desiderio di unione eterna. Se poi volete proprio strafare optate per 100 rose simbolo di una devozione totale.

Ma la rosa rossa non è il solo fiore che simboleggia amore. Tra i fiori coltivati in Campania la scelta non manca.

Nel giorno degli innamorati potrete optare per i tulipani. Pur essendo il fiore “simbolo” dell’Olanda, le sue origini sono persiane. Nel 1500, infatti, i tulipani venivano coltivati in Turchia e il loro nome deriva proprio dalla somiglianza con il “tullband” (il turbante indossato dagli uomini turchi). Esistono diverse varietà di tulipani e di colori: se omaggiate il vostro partner con quelli di colore rosso significa dire “ti amo e ti amerò per sempre”.

Di particolare fascino e bellezza unica è il fiore dell’orchidea. La sua bellezza, eleganza, raffinatezza e armonia nella cultura Occidentale è sinonimo di “ringraziamento per la concessione d’amore”. Assicuratevi quindi che la persona oggetto del vostro messaggio sia una persona che ricambi il vostro sentimento d’amore.

Se siete pronti ad affrontare ogni sacrificio in nome dell’amore, allora il fiore da regalare per San Valentino sono le camelie. Pianta originaria delle zone tropicali dell’Asia venne importata in Europa da un farmacista e botanico di nome Georg Joseph Kamel.

Infine, se il vostro amore ha un “fascino” malinconico e languido, allora vi consigliamo un fiore dai colori allegri e vivaci il ranuncolo. Il suo nome deriva dal latino e significa “piccola rana”; prediligono luoghi paludosi e umidi.